Broncodilatatori

Cosa sono i broncodilatatori?

I broncoidi sono un tipo di farmaco che facilita la respirazione rilassando i muscoli dei polmoni e allargando le vie respiratorie (bronchi).

Sono spesso utilizzati per affrontare condizioni di lunga durata in cui le vie respiratorie potrebbero diventare strette e irritate, come ad esempio:

  • L'asma è una tipica condizione polmonare causata dal gonfiore delle vie respiratorie.
  • La malattia polmonare ostruttiva persistente (BPCO) è un gruppo di condizioni polmonari che sono normalmente causate dal fumo di sigarette che rendono difficile la respirazione.

I broncodilatatori potrebbero essere entrambi

  • a breve durata d'azione: utilizzato come rimedio a breve termine per attacchi imprevisti e imprevisti di mancanza di respiro
  • a lunga durata d'azione): utilizzato di routine per aiutare a gestire la mancanza di respiro nell'asma e nella BPCO e aumentare l'efficacia dei corticosteroidi nell'asma.

Broncodilatatori e corticosteroidi

I corticosteroidi per via inalatoria sono il trattamento principale per ridurre al minimo il gonfiore ed evitare riacutizzazioni nell'asma. Ma alcuni individui potrebbero anche trarre vantaggio dall'assunzione di broncodilatatori per mantenere aperte le vie respiratorie e aumentare gli effetti dei corticosteroidi.

I broncodilatatori a lunga durata d'azione non devono mai essere assunti senza corticosteroidi. Nella BPCO, il trattamento preliminare è con broncodilatatori a breve o lunga durata d'azione, con i corticosteroidi inclusi in alcuni casi estremi. Il trattamento con corticosteroidi e broncodilatatori potrebbe richiedere l'uso di diversi inalatori. Tuttavia, significativamente, questi farmaci vengono forniti insieme in singoli inalatori.

Tipi di broncodilatatori

I 3 broncodilatatori più comunemente utilizzati sono:

  • Beta-2 agonisti, come salbutamolo, salmeterolo, formoterolo e vilanterolo,
  • Anticolinergici come ipratropio, tiotropio, aclidinio e glicopirronio
  • teofillina

I beta-2 agonisti e gli anticolinergici sono offerti sia nei tipi ad azione breve che in quelli ad azione prolungata, mentre la teofillina è offerta solo in un tipo ad azione prolungata.

Beta-2 agonisti

I beta-agonisti sono utilizzati sia per l'asma che per la BPCO, sebbene alcuni tipi siano offerti solo per la BPCO. Normalmente vengono respirati utilizzando un piccolo inalatore portatile, ma possono anche essere offerti sotto forma di compresse o sciroppo.

Per segni inaspettati o estremi, possono anche essere iniettati o nebulizzati. Un nebulizzatore è un compressore che trasforma il farmaco liquido in una nebbia sottile, consentendo l'inalazione di un grande dosaggio del farmaco attraverso un boccaglio o una maschera facciale.

I beta-2 agonisti agiscono promuovendo recettori chiamati recettori beta-2 nei muscoli che rivestono le vie respiratorie, che li stimolano a rilassarsi e consentono alle vie respiratorie di allargarsi (dilatarsi).

Devono essere utilizzati con cura in soggetti con:

  • Una tiroide iperattiva (ipertiroidismo) è una condizione che si verifica quando c'è un eccessivo agente ormonale tiroideo nel corpo.
  • Malattie cardiache: condizioni che colpiscono il cuore o i capillari
  • battito cardiaco irregolare (aritmia).
  • hypertension (alta pressione sanguigna).
  • Il diabete è una condizione di lunga durata che fa sì che il livello di zucchero nel sangue di un individuo finisca per essere costoso.

In casi insoliti, i beta-2 agonisti possono peggiorare ancora alcuni dei segni e dei possibili problemi di queste condizioni.

anticolinergici

Gli anticolinergici (chiamati anche antimuscarinici) sono utilizzati principalmente per trattare la BPCO, ma alcuni di essi possono essere utilizzati anche per l'asma. Normalmente vengono assunti utilizzando un inalatore, ma potrebbero essere nebulizzati per far fronte a segni imprevisti ed estremi. Gli anticolinergici stimolano l'allargamento delle vie respiratorie ostruendo i nervi colinergici. Questi nervi rilasciano sostanze chimiche che possono stimolare i muscoli che rivestono le vie respiratorie a irrigidirsi.

Devono essere utilizzati con cura in soggetti con:

  • Questo è chiamato "miglioramento benigno della prostata" - dove la ghiandola prostatica finisce per essere più grande, il che può influire sul modo in cui fai pipì.
  • A bladder outflow blockage is any condition that impacts the circulation of urine out of the bladder, such as calcoli alla vescica or prostate cancer.
  • Il glaucoma è un accumulo di pressione nell'occhio.

Se hai un aumento benigno della prostata o un blocco del deflusso della vescica, gli anticolinergici possono scatenare problemi, come problemi a fare pipì e non avere la capacità di liberare completamente la vescica. Il glaucoma può peggiorare se i farmaci anticolinergici entrano accidentalmente negli occhi.

teofillina

La teofillina viene normalmente assunta sotto forma di compresse o pillole, ma una variante diversa chiamata aminofillina può essere offerta direttamente in vena (per via endovenosa) se i sintomi sono estremi. Non è chiaro esattamente come funzioni la teofillina, ma sembra ridurre al minimo qualsiasi gonfiore (gonfiore) nelle vie respiratorie, oltre a rilassare i muscoli che le rivestono.

L'impatto della teofillina è più debole di quello di altri broncodilatatori e corticosteroidi. È anche più probabile che provochi effetti negativi, quindi spesso viene utilizzato solo insieme a questi farmaci se sono abbastanza inefficaci.

La teofillina deve essere utilizzata con cautela in individui con:

  • Una tiroide iperattiva
  • Cardiopatia
  • Problemi al fegato, come malattie del fegato,
  • Ipertensione
  • Ferite aperte che si stabiliscono sul rivestimento dello stomaco (ulcere allo stomaco)
  • Una condizione che colpisce il cervello e innesca attacchi ripetuti (convulsioni) (epilessia)

La teofillina potrebbe peggiorare ulteriormente queste condizioni. Negli individui con problemi al fegato, spesso può causare un accumulo dannoso di farmaci nel corpo.

Altri farmaci possono anche innescare un accumulo irregolare di teofillina nel corpo. Questo deve essere costantemente controllato dal tuo medico. Le persone anziane potrebbero anche richiedere un monitoraggio extra durante l'assunzione di teofillina.

Risultati collaterali

Gli effetti negativi dei broncodilatatori possono variare a seconda del particolare farmaco che stai assumendo. Assicurati di controllare l'opuscolo che presenta il tuo farmaco per vedere quali sono i particolari effetti negativi.

Gli effetti negativi generali dei broncodilatatori consistono in:

  • brividi, soprattutto nelle mani
  • Ha mal di testa
  • una bocca secca.
  • All'improvviso, battiti cardiaci visibili (palpitazioni)
  • Crampi muscolari
  • una tosse
  • nausea e vomito.
  • diarrea

Scopri di più sugli effetti negativi dei broncodilatatori.

Gravidanza e allattamento

Nella maggior parte dei casi, i broncodilatatori devono essere assunti come prescritto durante la gravidanza o l'allattamento. Ma parla con il tuo medico di famiglia se usi regolarmente i broncodilatatori e stai pensando di avere un figlio o credi di poter essere incinta.

La gravidanza potrebbe avere un impatto sull'asma, quindi è necessario continuare a prendere i farmaci e tenerli d'occhio regolarmente per assicurarsi che la condizione sia gestita.

Interazioni con altri farmaci

I broncodilatatori potrebbero interagire con altri farmaci, il che potrebbe influire sul metodo con cui funzionano o aumentare il rischio di effetti negativi.

Alcuni dei farmaci che possono interagire con i broncodilatatori (soprattutto teofillina) sono costituiti da:

  • Alcuni diuretici, un tipo di farmaco che aiuta a liberarsi dei liquidi dal corpo,
  • Alcuni antidepressivi, consisting of monoamine oxidase inhibitors (MAOIs) and tricyclic antidepressants (TCAs),
  • La digossina è un farmaco utilizzato per trattare le aritmie.
  • Le benzodiazepine sono un tipo di sedativo che può essere spesso utilizzato come trattamento a breve termine per lo stress e l'ansia o per i problemi del sonno (disturbi del sonno).
  • Il litio è un farmaco utilizzato per trattare l'ansia estrema e il disturbo affettivo bipolare.
  • I chinoloni sono una sorta di farmaco antibiotico.

Questo non è un elenco completo di tutti i farmaci che possono interagire con i broncodilatatori e non tutte queste interazioni si applicano a ciascun tipo di broncodilatatore. Controlla sempre attentamente l'opuscolo con i dettagli del cliente che presenta il tuo farmaco.

Potresti avere la possibilità di trovare un opuscolo particolare sui farmaci AZ sul sito MHRA. In caso di dubbio, parla con un farmacista o un medico di famiglia.

it_ITItaliano
Index